We are moving…

Quando ho cominciato a scrivere riempire questo blog di cretinate, i buoni propositi erano semplicemente quelli di riuscire a scrivere di più, che poi onestamente era la cosa che più mi premeva al tempo. Non sono mai stato troppo dietro agli “ascolti”, ma qualcosa mi mancava. Alla mia libertà di scrivere cazzate avevo bisogno di accostare la libertà di poter fare casino su WordPress, installando plugin utili e modificando a mio piacere il layout, ma ahimè, l’istanza messa a disposizione gratuitamente da WordPress.com non me lo permette…

Funziona tutto alla perfezione, ma è limitato al minimo indispensabile, tutto il resto è a pagamento, ed onestamente spendere del denaro per qualcosa che riesco a mandare avanti solo saltuariamente non mi sembra un buon investimento.

È proprio per questo motivo che mi “sposto”, trasloco anche in maniera digitale dopo essere stato costretto a farlo nella realtà, sperando però di aver fatto la scelta giusta e ritrovarmi su di uno spazio web migliore della zona in cui abito (cosa che al momento non è troppo difficile ad essere onesti).
Perciò, come si suol dire, “arrivederci e grazie per tutto il pesce”, da adesso in poi troverete tutte le cazzate che scrivo su demonrp.altervista.it, e pian piano trasmigrerò anche i vecchi post di questo blog su quello nuovo, o almeno ci porterò quelli che hanno ancora un senso di esistere… Chissene direte voi, e c’avete pure ragione… In ogni caso, Mahalo.

Il 9 settembre è stato un giorno bellissimamente triste

Il 9 settembre 2016.
E’ stato un giorno che è partito malissimo, che poi è proseguito benissimo e che poco dopo è andato ancora meglio, superandosi nuovamente subito dopo, per poi crollare prima nel peggio e più tardi nel peggio ancora. So che alla fine non ho detto praticamente nulla, ma i risultati di oggi si vedranno solo nei prossimi giorni… Please wait…
Siccome però di questa giornata credo di averne abbastanza, mi sa che per oggi chiudo i battenti e mi metto a guardare un film, sperando che quella di domani vada come deve andare senza rompere zebedei vari, soprattutto perché mi aspettano un sacco di cose da fare, e mirabolanti avventure attendono degli ignari giocatori di D&D che nel pomeriggio dovrebbero passare per caso dalle zone di Karameikos…

Il 9 settembre sarà un giorno tristemente bellissimo

Domani…
9 settembre 2016
Per molti sarà un giorno normalissimo, in cui andare a lavoro, pensare alla famiglia o fare le cose di tutti i giorni.
Per alcuni, sarà il giorno del nuovo iPhone 7, che, finalmente presentato nel Keynote Apple di ieri, aprirà ai pre-order in molte nazioni.
Per pochi invece, ma sempre Apple addicted, sarà il giorno di Apple Watch 2, che per le stesse motivazioni dell’iPhone 7 si rende prenotabile con le stesse tempistiche.
Per altri poi, sarà la fine di una lunga attesa, perché dopo molti mesi, finalmente LEGO Dimensions arriverà nei negozi italiani, e milioni di mattoncini, digitali e reali, invaderanno gli schermi di grandi e piccini.
Per pochissimi infine, sarà il giorno del salasso. iPhone 7, Apple Watch 2, LEGO Dimensions più varie espansioni… Insomma, un giorno bellissimo e denso di novità, ma anche tristissimo per le proprie finanze. Ed intanto io mi porto avanti e comincio a piangere…

GameSoul: Romance of the Three Kingdoms XIII – Recensione

romance-3Giusto per cambiare un po’ il genere, oggi è il giorno in cui è cicciata fuori la mia rece di Romance of the Three Kingdoms XIII, strategico alquanto complesso prodotto dall’ormai intramontabile Tecmo Koei.

Che io sia un ritardatario cronico è fuori di dubbio, ma il ritardo nell’uscita di questa recensione rispetto a quella del gioco stavolta è giustificato, perché mentre mi occupavo del titolo, si è dovuto dare spazio e priorità a The King of Fighters XIV, che come si evince è online già da un po’…

Come KOFXIV, anche Romance of the Three Kingdoms XIII è sulle pagine di GameSoul.it, il blog di GameStop.it. Per fugare ogni dubbio, sappiate che il titolo non è per chi si vuole fiondare immediatamente nell’azione per roteare in aria la spada, anzi, tutto il contrario. Vi serviranno un numero considerevole di ore solo per riuscire a capire come funziona tutto l’ambaradan, perciò armatevi di pazienza, mettetevi comodi e tuffatevi nell’epopea dei tre regni raccontata da Luo Guanzhong. Il tutto è come al solito al link seguente:

GameSoul: Romance of the Three Kingdoms XIII – Recensione

Papa Roach – Face everything and rise

La scorsa notte è stata una di quelle che definire pessime non rende appieno l’idea, ma è comunque sulla buona strada. Mi sono svegliato più volte ed ho fatto sogni strani che per certi versi avrei preferito evitare. Ho sognato per l’ennesima volta una persona importante del mio passato, e già questa è una cosa sbagliata, ma il problema vero è quando fai dei bei sogni, e preso dall’euforia ti fai trasportare dalle emozioni e pensi “è incredibile, sembra quasi un sogno”. Lì in un attimo arriva la consapevolezza che in effetti quello è veramente un sogno, e capisci che appena aprirai gli occhi tutto svanirà nel nulla. Cerchi di prolungare il tempo di quell’effimero attimo il più possibile, ma ormai il danno è fatto, e ti svegli tornando al buio della camera in cui eri andato a dormire la sera prima. Ed in quel momento, c’è solo una cosa che si può fare…

Continua a leggere