E chi chiamerai?

Già. E chi chiamerai ora?
Non sono cose che faccio spesso, più che altro perché da che sono nati i social network, citare il “morto del giorno” è diventata una moda ed una brutta abitudine, specie quando del povero defunto si sa poco e niente. Lo ha detto in maniera Harold-Ramissublime Zerocalcare, che sul suo blog, nel post intitolato Quando muore uno famoso…, ha racchiuso ogni virale conseguenza del trapassare ai tempi di Facebook e Twitter, perché che sei schiattato non frega un cazzo a nessuno, ma ripetere le frasi che hai detto in un film a caso fa sempre figo, anche se non sai minimamente di che cosa stai parlando e non hai mai visto un suo mezzo film.
Harold Ramis, meglio conosciuto da tutti come il Dottor Egon Spengler, era il “secchione” del gruppo degli acchiappafantasmi, quello che in pratica tra tutti e quattro aveva studiato veramente e più di tutti. Ma era stato anche altre cose oltre che questo semplice ruolo. Era stato il regista di Indiavolato, un filmetto, una versione comica del Faust (circa) interpretato da Brendan Fraser; non un capolavoro certo, ma a me è piaciuto. Ha recitato in Alta Fedeltà ed ha diretto e sceneggiato Ricomincio da capo (il giorno della marmotta, nel caso il titolo non vi dicesse nulla). Animal House nemmeno ve lo nomino…
Era malato da tempo di una forma autoimmune di vasculite infiammatoria, che incorrendo in delle complicazioni ha portato a quello che sapete. Che cos’è una malattia autoimmune? Una di quelle brutte. Una che il nostro organismo non capisce cos’è e che quindi non combatterà mai come si deve. Ed è qualcosa che non puoi capire né accettare. Sai che non c’è cura. Sai che non harold-ramis2guarirai mai. L’unica cosa che puoi fare è tenere a bada la malattia con una qualche terapia, che di solito è di tipo corticosteroidea. Che significa? Cortisone. Che magari aiuta a controllare la malattia, ma intanto ti sta facendo danni da altre parti a tua insaputa, ma di cui prima o poi ti accorgerai…
A parte questa parentesi medica, resta comunque molto triste vedere andar via (in senso figurato), l’interprete di uno dei personaggi che quando eri piccolo ti ha accompagnato in tante serate, e che ti ha fatto sognare di poter, un giorno, infilare uno zaino protonico sulla schiena ed urlare “Andiamo, Acchiappafantasmi!!”. Ma la realtà è un po’ differente ed anche molto più cinica. E quando vedi morire gli eroi della tua infanzia, significa solo una cosa: che stai invecchiando.
“Mai incrociare i flussi. Incrociare i flussi è male”. Requiescat in pace Dottor Spengler.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...