Ci sono cose che non capisco #4: D’Urso Boops Edition… WTF?! O_o

No… Non sono impazzito… Non ancora almeno, o non più del solito… Ma ultimamente, controllando senza nessun motivo in particolare la lista delle ricerche che portano a codesto blog, ho trovato “alcune cose che non capisco”, e mi sembrava giusto farvi partecipi… (che poi oh, se siete voi a venire qua a leggere un po’ ve la cercate eh…)

Mi era già successo tempo fa a dire il vero, ma ai tempi non ci avevo dato peso più di tanto, oggi poi, la scoperta che invece è una cosa che ripete piuttosto spesso,e non può che farmi pensare. Oltre al pensiero però, un po’ di curiosità m’è venuta, e visto che oggi non ho proprio tantissimo da fare (se non cercare di finire Uncharted 4 a livello Devastante), ho spulciato un po’ le statistiche del blog, e ci ho trovato qualche sorpresina… Quella che vedrete a seguire infatti, è la lista delle ricerche proveniente da Google che hanno portato su queste pagine per il mese corrente, Giugno.

durso1

Sì sì, avete letto benissimo, c’è proprio scritto “barbara durso big boops“. Sorvoliamo sul fatto che il cognome sia scritto in maniera errata, in quanto è D’Urso e non Durso, ma io mi chiedo, chi è che cerca ste robe in giro?
Ma andiamo indietro di qualche mese… Arriviamo fino a Marzo scorso…

durso2

Vada per il pompinotto di Deadpool, che alla fine è una sorta di cocktail e ci può stare cercarne in giro la ricetta, anzi, mi riprometto di scriverci su qualcosa se riesco a recuperare gli ingredienti ed a fare una “prova su strada”, ma guardate un attimo la seconda riga… “porno archivi barbara d urso“. Cioé siamo seri?!  “porno archivi barbara d urso“?! Ma che davero davero?
BTW, al cognome manca ancora l’apostrofo, ma almeno c’è lo spazio, ed è già un passo in avanti. Onestamente spero si tratti di un limite della ricerca, che per comodità elimina i caratteri diversi da quelli alfanumerici, ma tant’è che comunque c’è qualcuno che vuole dare un’occhiata agli archivi zozzi di Barbara D’Urso… e li viene a cercare qui… ehm… vabbé, andiamo avanti… Gennaio scorso…

durso3

Tra le guide ai trofei di Dragon Ball Z: Battle of Z e di Titanfall, e il “non mi è piaciuto birdman“, ecco di nuovo che spunta “barbara d urso big tits“. Per le guide nulla da dire, per il fatto che a qualcuno non sia piaciuto Birdman, non posso che concordare ovviamente, ma per le big tits della D’Urso, il quesito rimane: perché?
Andiamo ancora più indietro, Ottobre dello scorso anno…
durso4

Anche qui ci sono un paio di ricerche relative alle guide di The Walking Dead (che abbiamo già incontrato nel mese corrente), e quella di Ryse, un ottimo titolo per Xbox One di qualche tempo fa. E poi di nuovo, “barbara d urso tits“. Perlomeno, questa volta non sono pure big, oppure quello che le cercava ha una considerazione diversa dal normale sulle dimensioni del davanzale della signora Maria Carmela…
Passiamo quindi al Luglio 2015…

durso5

Siamo quasi ad un anno fa, Stitch resta sempre un cult (anche con l’ennesimo errore nel nome -.-“), ed erano ancora rimasti degli strascichi di Wolfblood, una serie tv con target adolescenziale che ho visto un po’ di tempo fa perché ha come argomento i lupi mannari, ma cui ormai ricordo solo quando fosse bella la canzone della sigla… Anche qui però, c’è ancora chi cerca “barbara durso tits“, cosa che mi porta a pensare che c’è qualche altro tizio che non sa scrivere il cognome della conduttrice partenopea, e che non pensa che le sue grazie siano proprio abbondanti…

Sfortunatamente, mi sono accorto le statistiche mensili non mi permettono di andare più indietro di Luglio 2015, perciò mi sono dovuto accontentare di quelle annuali, che però alla fine hanno comunque dato ugualmente le loro piccole soddisfazioni…

durso6

Il 2015 infatti, oltre a quanto vi ho già mostrato in precedenza, riporta anche un “barbara d’urso big boops” ed un “barbara d’urso tits“, con addirittura due occorrenze differenti in cui il cognome è stato scritto correttamente. Incredibile! O meglio, terribile, perché significa che l’istruzione media di chi arriva sul blog sta lentamente diminuendo…

durso7

Per finire, il 2014 chiede, tra le varie ricerche dedicate di nuovo a Ryse ed altre cosucce, ci si ritrova sempre con un “barbara d’urso big tits” e con un “big tits d’urso“, che significa seriamente che chi cerca ste cose piano piano sta dimenticando come si scrive, oppure che sto beccando un sacco di gente che ha il tasto dall’apostrofo rotto sulla tastiera…

Non comprendendo comunque il motivo di tutta questa affluenza, ho ovviamente anche indagato sulle motivazioni che spingono Google ad inserire il blog in tali risultati, e la cosa è stata meno complessa del previsto. Un bel po’ di tempo fa infatti, vi parlai un filmetto di serie B, giusto per essere gentili, in cui coesisteva un binomio molto apprezzato da una fascia di maschietti, ovvero belle ragazze seminude ed un’apocalisse zombie. Il film in questione è Big Tits Zombie, che nonostante il titolo è in realtà molto più casto di alcune trasmissioni televisive che vanno in onda di recente. In quel post comunque, citavo per coincidenza la D’Urso, col film chiaramente lei non ci azzecca nulla, ma nel discorso il filo logico c’era… o almeno mi pare ci fosse… In ogni caso, sta di fatto che, ogni volta che qualcuno cerca quelle robe su un motore di ricerca, quella pagina spunta fuori in buona posizione… Non entro nel merito di chi quelle ricerche le fa, per carità, ma vorrei ricordare che la signora in questione c’ha quasi sessant’anni… Buon per lei essere arrivata a quest’età in quelle condizioni, però pure voi, dateve na regolate eh… Daje…

Comunque, per non lasciarvi proprio a mani vuote…

durso8

Annunci

Wolfblood – Season 1 Ep. 12 e 13

Penultimo episodio, si comincia a vedere la luce, e sta per arrivare una nuova luna piena. Ovviamente, fin dall’inizio si cominceranno a vedere i primi problemi, perché un invito di Tom e Shannon rischia di far uscire Maddy e Rhydian fuori tempo massimo. I due si rintanano quindi a casa di Maddy ed evitano l’impegno con delle scuse, ma dai loro amici, al posto loro, arriva uno strano uomo che pare credere a Shannon e la vuole come guida per andare a caccia della bestia della brughiera.
Maddy e Rhydian dal canto loro, non accettano molto il dover passare la trasformazione rinchiusi nella cantina di famiglia, ma i genitori della ragazza pare non vogliano prendere minimamente in considerazione il passare la trasformazione fuori, e dalle attrezzature che lo sconosciuto ha portato con sé, sarebbe anche una giusta idea. Ma la banalità è dietro l’angolo, e mentre Tom fa penosamente la corte wb7all’assistente del tizio, il fatto che Rhydian e Maddy scappino per passare la notte all’aperto risulta molto scontato e prevedibile. I due in forma di lupo vengono catturati senza sforzo dall’uomo, che si rivela quindi essere meno nobile di quanto sembrasse prima; ma fortunatamente i loro amici non resteranno lì con le mani in mano, ed anche se non sanno realmente di non aver salvato dei semplici lupi, il gesto non sarà dimenticato. Forse un po’ tardi per inserire una nemesi o un pericolo del genere, a si vede una leggera risalita dal baratro, che da un po’ rischiava di far affondare irrimediabilmente tutta la baracca.
L’ultimo episodio della prima stagione invece, si apre con Shannon neo attivista contro la cattura dei lupi, e li vuole fotografare per farli proteggere dai tipi come Kyle, il tizio dell’episodio precedente. A complicare la situazione però, viene fuori anche un ragazzino che dice di essere il fratello di Rhydian, e che vuole riportarlo dalla madre e dal suo branco di “non amici degli umani”. Mentre i due cercano di risolvere la questione, Tom e Shannon ritrovano l’esca per lupi e la usano per attirare quelli che credono gli esemplari salvati giorni prima. Ma attirata anche dall’odore, oltre che dalla ricerca dei figli, arriva la madre di Rhydian, e Maddy è costretta a trasformarsi in lupo per salvare i due amici. Un finale complicato che vede Shannon fuggire sentendosi più tradita che spaventata, e con Rhydian che dopo essersi preso la colpa del problema pare sul punto di decidere di andar via con madre e fratello. Shannon, ancora scossa, sta così per uploadare le foto sul suo blog, ma le parole di Rhydian la fanno rinsavire. La situazione sembra quindi tornare più distesa, almeno per tre di loro, perché Rhydian parte con la sua famiglia naturale concludendo così la stagione. Non ci sono quindi eccessivi colpi di scena, o questioni interrotte da riprendere nella stagione successiva (a parte la partenza del lupo solitario, che sappiamo che in un modo o nell’altro tornerà sicuramente).
La serie era partita decisamente bene, scadendo probabilmente troppo in alcuni punti, ma che ogni tanto ha almeno provato a tirar fuori qualche idea decente. Alti e bassi quindi, che non credo saranno differenti nelle stagioni successive (che per ora dovrebbero essere in tutto tre). Speriamo (vanamente?) che almeno si riprendano, evitando le puntate alla step up o alla C.S.I., e che migliorino almeno un po’ gli effetti speciali, che almeno nell’ultimo episodio sono stati leggermente migliori (molto leggermente).

wbfooter

Wolfblood – Season 1 Ep. 10 e 11

Decima puntata, il gruppo viene spiato in un momento di tranquillità da quella che pare essere una barbona che vive nella brughiera (che sia il mostro tanto rincorso da Shannon?). Ma mentre Rhydian si ritrova a diventare quasi senza volerlo il nuovo portiere della squadra di calcio della scuola, camminando nel bosco si ritrova davanti alla donna di prima, che non solo si rivela essere un sangue di lupo, ma afferma di essere la sua vera madre. La donna afferma inoltre che non ha mai realmente abbandonato il ragazzo, ma che l’ha solo perso durante l’assenza per una caccia (chi è in fondo che non si è mai perso il figlio quando va a fare la spesa?). Cerca in qualche modo di riprenderlo con sè, svelando una natura più animalesca rispetto a quella vista fino ad ora nei sangue di lupo che ci sono familiari, ed il tutto avviene in un turbinio di pessimi effetti speciali che forse era quasi meglio evitare.
wb3Una partita a calcio importante, una vittoria fondamentale per la squadra della scuola, ed una madre sangue di lupo che non ha proprio un’idea precisa di quello che può desiderare suo figlio, portano Rhydian a prendere la sua scontata e sofferta decisione finale. Mancava solo giocare a pallone con la coda che fuoriesce dai calzoncini per emulare Scott Howard, ma almeno ci sono state risparmiate tutte le remore riguardanti la superiorità fisica “sleale” che abbiamo visto in Smallville quando un giovane Clark Kent comincia a desiderare di giocare a football.
Anche se ogni tanto gli spunti migliorano, la serie continua a rimanere ad un livello mediamente basso, sia di contenuti che di realizzazione, e le speranze che possa riprendersi totalmente negli ultimi episodi rimanenti, sono decisamente vane.
L’undicesimo episodio pare essere strettamente collegato al precedente, dove Rhydian ha appreso la particolare facoltà che i sangue di lupo chiamano Iolas. I genitori di Maddy però non sono molto favorevoli alla cosa, e ne nasce una piccola divergenza abbastanza prevedibile. Nel frattempo, Rhydian comincia ad abusare delle sue facoltà, e la cosa pare dar fastidio alla madre di Maddy, che per giusta causa (dal suo punto di vista almeno) proibisce ai due di vedersi oltre l’orario scolastico. La ragazza ovviamente non la prende bene, e scappa di casa, innescando quindi una corsa al salvataggio che chiaramente si sa come andrà a finire fin dal principio. Anche qui pochi fatti, ma in compenso poco significanti e molto prevedibili, ma fortunatamente, come diceva il buon Rorschach in Watchmen: The end is near.

Wolfblood – Season 1 Ep. 8 e 9

Maddy comincia ad essere allo stremo, non sopporta più il dover mantenere il suo segreto con i suoi più cari amici. Principalmente un punto classico in storie del genere, un qualcosa che si è visto in un certo qual modo anche in pellicole cult come Voglia di vincere (più o meno), che tra l’altro spero di rivedere a breve (il film dico, non il resto). Ai dubbi di Maddy, si aggiunge il rinnovato interesse di Shannon per uscire di nuovo a caccia della bestia che si nasconde nella brughiera. Rhydian ovviamente non sembra essere d’accordo sul parlare di essere dei sangue di lupo a Tom e Shannon, e quando Maddy comincia a perdere il controllo a causa di una medicina omeopatica per il raffreddore a base di un’erba definita come strozzalupi, la situazione sembra un attimo wb2degenerare. Una leggera ripresa sul tema iniziale che aveva destato per qualche momento il mio interesse, e che si allontana delle porcherie pseudo-step up viste nelle puntate precedenti, ma che ahimè probabilmente non durerà molto.
Nell’episodio successivo infatti, il nono della serie, i primi minuti sono dedicati in pratica ai dubbi di Tom e Shannon su una possibile storia tra Rhydian e Maddy. Si ritorna pesantemente quindi subito nella teen zone, e le cose prendono una brutta piega quando i due sangue di lupo trovano delle casse di indumenti di marca nascoste nella brughiera, indumenti probabilmente rubati e provenienti da chissà dove. Rhydian ha la brillante idea di prenderli e rivenderli a scuola per tirare su un po’ di soldi (scelta abbastanza scontata vista la situazione), ignaro però di essere stato scoperto e che ben presto diventerà vittima di un ricatto. La polizia infatti riesce a beccarlo, ed il pericolo di una trasformazione imminente (causa luna piena) diventa sempre più vicino. Mediocrità a tutta forza quindi, nella quale gli effetti speciali, ormai limitati a delle semplici lenti a contatto gialle nelle scorse puntate, si spingono fino a mostrare i quattro sangue di lupo che corrono ben sfuocati nel bosco, nascondendo così la pessima qualità di realizzazione che non siamo riusciti ancora a dimenticare dai primi episodi. #perfortunastafinendo

Wolfblood – Season 1 Ep. 6 e 7

Siamo quasi al giro di boa della stagione, che dovrebbe essere composta solo da tredici episodi. Ricordate i toni cupi che apprezzavo (più o meno) all’inizio? Bene, andati, scordateveli. L’inizio del sesto episodio ci trasporta, senza nemmeno darci il tempo di ambientarci, nel bel mezzo di uno degli episodi di Step Up… O meglio di una sottomarca di Step Up, perché le performance sono veramente pessime. Il che praticamente ha fatto perdere tutti i punti (pochi) che erano rimasti alla serie.
Ora ci ritroviamo con una sangue di lupo affamata di popolarità, che molla i propri imageamici per entrare in mezzo a “quelle che contano”. Dall’altro lato, Shannon è sempre più convinta che Maddy nasconda di essere un licantropo, e Tom è disperato perché sembra provare qualcosa per Maddy. Il tuffo in una soap opera di bassa lega è stato repentino e particolarmente sgradito, e quasi quasi comincio a rimpiangere i vampiri che brillano alla luce del giorno…
L’episodio centrale invece oscilla tra gli scherzi da campus in stile confraternità universitaria, alle analisi in stile CSI volte a dimostrare che Maddy è un mostro che si nasconde nella brughiera nelle notti di luna di piena. Da questo bel teatrino viene fuori che i sangue di lupo, nel giorno di luna nuova, si ritrovano deboli, senza forza e come se si fossero appena ripresi da una pessima sbronza. Dall’aspetto, ed anche da come si sentono, Maddy e Rhydian sembrano malati di una qualche strana malattia, svengono facilmente, e finiscono per essere ricoverati sotto le grinfie della madre di Tom, che fa il medico nell’ospedale locale. Il rischio diventa quello che con le analisi del sangue, qualcuno scopra malamente che i due sono dei sangue di lupo, e le cose peggiorano sempre di più… Tutto comincia ad essere banale, a tratti anche vagamente stupido, e non va bene…